Una gita fuori porta con i bambini: Assisi

Siamo in primavera, il sole comincia a splendere, gli alberi sono in fiore, e viene voglia di stare sempre di più fuori casa e fare qualche cosa di diverso!
Sono sempre stata un’amante dei viaggi e della scoperta di luoghi nuovi, questo mi ha condotto a intraprendere una laurea in Storia dell’Arte (la mia grande passione), e devo ammettere che era un po’ di tempo che non facevamo una gita fuori porta. Così l’altra settimana, abbiamo deciso all’ultimo di fare una bella passeggiata ad Assisi. L’avevo visitata già quando ero piccola, devo ammettere, però, che non mi ricordavo molto. Erano anni, che volevo riandarci e così abbiamo optato per questa graziosa città umbra. Con noi c’era ovviamente la nostra cucciola che ha quasi due anni. E’ stato facile, organizzare questa giornata ed è stato ancora di più viverla.

Le uniche informazioni che ho cercato preventivamente erano quelle relative al parcheggio. Devo dire che Assisi è veramente comoda per chi viene in macchina. C’è un parcheggio a pagamento a Piazza Giovanni Paolo II, a due passi dalla Basilica di San Francesco. Avevo scaricato da internet una cartina turistica, ma in realtà non l’abbiamo usata perché Assisi è veramente a portata di mano!

Siamo partiti di buon ora e alle 9.30 eravamo già in paese. La nostra cucciola, all’andata ha dormito quasi tutto il tempo, e per intrattenerla, mi ero portata solo il suo piccolo tablet con i suoni degli animali e altri giochi interattivi.
La prima tappa è stata ovviamente la basilica, che mi ha lasciato a bocca aperta. Prima di tutto non c’era fila, ed era poco affollata, ma soprattutto è veramente un tesoro unico nel suo genere.
Vedere gli affreschi di Giotto dal vivo, le storie della vita di San Francesco, i colori così limpidi e accesi, ha lasciato in me un ricordo indelebile, è stata una vista sopra le mie aspettative. Non sfuggono all’occhio le parti mancanti dovute al tragico terremoto del 1997, che distrusse la volta giottesca della Basilica Superiore. Queste furono restaurate in tempi record (18 mesi), e rendono questo gioiello storico artistico ancora più unico e straordinario.
Suggestiva è anche la Basilica Inferiore dove c’è la tomba di San Francesco e alcune reliquie.
Era la prima volta che entravo con la mia bimba in un edificio religioso di questa portata, l’entrata è gratis, con solo la raccomandazione di un abbigliamento decoroso e del mantenimento del silenzio. La mia bimba, non è stata proprio silenziosa, ha attaccato una cantilena tipo: “Mamma, mamma, mamma, mamma, mamma uh uh”, tanto che al microfono c’è stato un richiamo di rispetto del silenzio! A parte questo è stata bravissima e quando le ho fatto vedere gli affreschi ha esclamato: “mamma Blu!!!”

Usciti dalla basilica ci siamo fatti le foto di rito, era una splendida giornata di sole, forse un po’ ventilata, tanto da rendere la campagna sottostante un capolavoro sul capolavoro!

Ci siamo addentrati per le vie cittadine, e devo ammettere che Assisi è splendida. Pulitissima, tutta in pietra chiarissima, è un gioiello, fatto di viuzze, stradine, botteghe artigianali, pasticcerie, ristorantini, insomma un piacere per gli occhi e il palato. Noi ci eravamo portati un pranzo a sacco. Per la mia bimba mi ero organizzata con del prosciutto e un po’ di pane, poi mi ero portata frutta, yogurt e qualche biscotto. Tutte cose che la mia piccola ha gradito! Si è divertita a passeggiare con me per le viuzze, saltellando felice, e ha fatto un giro in una bella giostra cittadina. Devo dire, che da quando c’è lei, tutto ciò che vedo è sempre più magico, perché è come se le rivedessi per la prima volta attraverso i suoi occhi! Alla prossima!

La nostra pagina Facebook