le prime pappine

Emergenza pappa: il mio bimbo non mangia

Credo che la questione, cibo e pappa, sia uno dei più discussi tra le mamme. Dall’allattamento al seno a quello artificiale, dal primo svezzamento con i papponi o come direbbe lo chef Barbieri i “mappazzoni” perché sembrano proprio quelli! Devo ammettere che anche per me l’argomento cibo è sempre stato uno degli argomenti di maggior confronto con le mie amiche mamme. Ho sempre desiderato, far avvicinare la mia bimba alla pappa, in maniera naturale e sana. Nel profondo dei miei desideri ho sempre voluto una bambina non schifettosa e non capricciosa verso i cibi, ma soprattutto che fosse pronta all’assaggio e che mangiasse una quantità variegata di cibi. Ecco sino a due mesi fa, ero riuscita in questo intento, e ne ero felicissima e fiera! Mangiava la pasta, il riso, la carne, il pesce, il purè di patate, le uova, le verdure le celavo nei sughi, o facevo delle vellutate. Insomma mangiava di tutto!

Poi improvvisamente due mesi fa (20 mesi) ha iniziato a dire no! Da lì il panico, sono andata completamente in tilt!
L’errore che ho fatto è che ho associato questo problema a un rifiuto verso di me. Pensavo che fosse un suo modo, per farmi “pagare” qualche mia assenza. Ho aspettato un pochino e ho chiesto consiglio alla pediatra e lei mi ha detto di non forzarla, che i bambini passano dei periodi selettivi, e che non si lasciano morire di fame. Il suo rifiuto è verso la pasta (solo al pesto ogni tanto), i purè e le vellutate non le vuole proprio più. Mentre ha mantenuto una predilezione verso i secondi piatti, il pane o la pizza. L’ho assecondata, o meglio, cerco di non proporgli i cibi che proprio non vuole, se però non mangia anche il resto, il suo pasto finisce lì. Dopo non le do niente, su questo sono irremovibile.

Ho notato che questo suo rifiuto è arrivato insieme, a un suo bisogno di autonomia. Ora vuole mangiare da sola, prima invece la imboccavo io, e quando tentavo di farlo, si arrabbiava e faceva: “mamma no!” . Così ora cerco di non starle addosso, quando faccio la sua pappa, la taglio la metto nel suo piattino, le do la forchetta e io faccio altro, controllandola di tanto in tanto. Da quando faccio così mangia più volentieri e riesco a dargli anche qualche piatto più mammesco, tipo la frittata con gli spinaci! L’altro giorno se l’è mangiata tutta! Cerco di variare il più possibile i piatti e cerco di farli il più possibile simile ai nostri! Ha iniziato a mangiare anche le verdure crude, come finocchi e carote, quindi stiamo migliorando. Ora non me la prendo più, vivo più serenamente il momento dei pasti e vedo che anche lei è più tranquilla. La pasta non la vuole, aspetterò il momento in cui me la chiederà! Voi come va con i vostri piccoli? Come è il momento della pappa?

La nostra pagina Facebook