apprendimento in ogni senso

Le prime uscite da soli con gli amici

Figli piccoli problemi piccoli, figli grandi problemi grandi. Vi ricordate le prime uscite da sole con gli amici? Io sì, ho cominciato alle medie. Il pomeriggio con la mia amichetta del cuore, dopo aver fatto i compiti insieme, andavamo a prendere un gelato e a fare una passeggiata vicino casa. Se non ricordo male il mio primo orario di rientro era le 18:30 in estate. In inverno con il buio non rientravo mai da sola veniva mia mamma a riprendermi.  

Poi sono arrivate le superiori e ovviamente le uscite sono diventate routine. Si andava in centro il sabato pomeriggio, ricordo che mia madre mi faceva tornare alle 20:00, sempre in estate eh! L’inverno alle 19! Poi è arrivato il fidanzatino (attuale marito) prime uscite pre-serali rientro 21:00, indovinate un po’? Sempre con il caldo, guai a tornare a quell’ora se il sole aveva già tramontato! Finalmente dopo estenuanti trattative ho avviato le uscite serali, orario di rientro 24:00 età 17 anni! A 21 anni l'orario di rientro a casa è diventato l’una e mezza e quello è stato il limite massimo. Avevo dei confini geografici! Io vivo a Roma e mia madre mi diceva sempre che non potevo mai andare fuori dal raccordo anulare (ok questa regola con il fidanzatino non l’ho rispettata, siamo andati a Ostia e Castel Gandolfo) sono però sempre tornata in orario! Se facevo tardi chiamavo, prima dal telefono pubblico e poi con i primi cellulari. Oddio sembra passata una vita! Eppure ho “solo” 33 anni!
Questo per raccontarvi la situazione che sta vivendo mia cognata con la figlia di 12 anni! Ora che è finita la scuola sta iniziando a uscire da sola con le amiche in quartiere. Non fanno niente di che, stanno lì sotto casa a parlare, farsi selfie e chattare! Ogni tanto vanno al cinema al centro commerciale vicino casa. L’altra sera mia nipote ha fatto tardi è tornata con mezz’ora di ritardo e non aveva avvertito la sua mamma. Mia cognata sapeva dove stava la vedeva dalla finestra, quando è rientrata però l’ha comunque strillata. E’ scoppiata una lite furibonda. Io le ho consigliato che la prossima volta che fa tardi e non avverte, di non farla più uscire  per qualche giorno oppure di accorciarle l’orario. Lo so che i tempi sono cambiati, ma l’altro giorno vedendo il disagio di mia cognata di fronte alla figlia dodicenne in ritardo alle sue prime uscite da sola, mi ha fatto tornare indietro nel tempo. Mi sono messa nei panni di mia madre, ora finalmente riesco a capire i suoi no, le litigate, le discussioni, se non avesse fatto così, oggi non sarei la donna che sono.

Ora non so, voi ma ho pensato seriamente che sono molto felice di avere ancora una bambina piccola! Alla prossima! 

La nostra pagina Facebook