Le contrazioni: come riconoscerle

contrazioni come riconoscerle

Quando ero incinta mi ero documentata e chiedevo praticamente a tutte le amiche che avevano partorito, come riconoscere le contrazioni! Avevo frequentato il corso preparto e devo dire che avevo capito come funzionava in teoria, però come si dice? Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare! Ecco nonostante avessi letto svariati blog e siti internet e nonostante avessi capito la teoria spiegata dall’ostetrica del corso preparto, quando sono arrivate le prime contrazioni non ci ho capito veramente niente.

Questo perché ho avuto una fase preparatoria molto lunga e intensa. Ho iniziato ad avere le contrazioni di Braxton Hicks a metà dell’ottavo mese e mi hanno accompagnato sino al giorno prima di andare in ospedale! Le primissime erano effettivamente non dolorose, ma le ultime settimane duravano ore erano abbastanza dolorose e avevano una certa regolarità.
Mi ricordo ancora che la notte iniziamo a cronometrale con il timer dell’I-Pod e mi segnavo ogni quanto le avevo e quanto erano durate!
Le notti più intense sono andata anche al pronto soccorso, però miracolosamente, quando mi mettevano il monitoraggio tutto cessava! Mi prendevano in giro, queste “maledette” contrazioni! Così dopo che sono andata inutilmente all’ospedale per ben 4 volteho deciso che sarei tornata al pronto soccorso solo se stavo piegata in due o se mi si fossero rotte le acque! Così è stato!
Vista la mia esperienza ho deciso di dedicare un articolo per aiutarvi a riconoscerle!

Imparare a riconoscere i sintomi delle contrazioni

Parliamoci chiaro, se ci si trova di fronte alla prima gravidanza, effettivamente non si sa come si presentano e come possono essere i sintomi delle contrazioni.
Per spiegarvelo in maniera semplice, l’utero si contrae e si rilassa generando una sensazione molto simile ai dolori mestruali, ma più intensi e dolorosi e la pancia diventa dura.

Scopriamo insieme le varie contrazioni

Eh già, perché mica ce ne sono uno tipo! Le contrazioni si dividono in tre categorie:

- Le contrazioni di Braxton Hicks
- Le contrazioni renali
- Le contrazioni uterine

Le contrazioni di Braxton Hicks sono delle false contrazioni, o meglio sono solo una fase preparatoria dovuta al progesterone e preparano appunto l’utero. Alla fine della gravidanza possono essere causate anche dagli spostamenti del bimbo, che cerca di farsi spazio e di trovare le giusta posizione per uscire. Come riconoscere queste contrazioni? Vi si indurisce la pancia, però dopo un po’ tutto cessa! Se però prendono una regolarità è sempre meglio contattare il ginecologo, che vi farà una visita per capire se il collo dell’utero è chiuso o è iniziata una dilatazione. Ragazze mi raccomando cercate di vivere la gravidanza in maniera serena e di avere uno stile di vita sano, perché lo stress e la stanchezza possono generare questo tipo di contrazioni anche nei primi mesi di gravidanza!

Le contrazioni renali sono invece quelle che avviano il travaglio e sono piuttosto dolorose. Oltre a indurirsi la pancia il dolore si irradia verso i reni e si ha proprio male alla schiena, quando si presentano di notte impediscono di dormire. Se alla fine della gravidanza prendono una regolarità e sono frequentissime vi dovete recare all’ospedale, perché poi arrivano quelle vere! Io queste non le ho mai avute! Per aiutarvi a superare il dolore di queste contrazioni, potete mettere qualche cosa di caldo nella parte interessata!

Le contrazioni uterine sono invece le vere contrazioni. Io le ho avute con l’ossitocina e con il senno di poi mi sono sentita veramente una “stupida” ad aver confuso quelle di Braxton Hicks con quelle vere!
Anche qui la pancia diventa durissima il dolore è però simile ai crampi che si hanno durante il ciclo mestruale, però molto più forti. Quando queste si presentano per più di un’ora ogni cinque minuti e durano quaranta secondi, è il momento di prendere la valigia dell’ ospedale, chiamare vostro marito o il vostro compagno e farvi portare all’ospedale! Il vostro momento è arrivato! In bocca al lupo!