la dolce attesa

Tutte le cose che saprai fare quando avrai un secondo figlio!

secondo figlio

Quanto tempo ci avete messo a decidere di fare un secondo figlio? Tanto o poco? A me sinceramente non importa, perché credo fermamente che ognuno è libero di fare ciò che vuole, e se un secondo figlio non lo desiderate va bene anche così, ricordate la vita è la vostra e nessuno vi può dire cosa dovete o non dovete fare. Detto questo avete idea del bagaglio conoscitivo che un figlio vi ha trasmesso? Avete mai pensato a tutte le cose che sapete fare ora che siete mamme e che vi ritroverete già acquisite quando deciderete fare un secondo figlio?

Eccomi pronta ad elencarvi le principali cose che vi troverete a rivivere ma che sarà una passeggiata perché lo avete già fatto.

Riuscite a fare un test di gravidanza senza farvi la pipì sulle mani.

Volete mettere? Io la prima volta lo ammetto, faccio outing, ma ho centrato poco il test e molto la mano! Non solo, aspetterete il tempo giusto per farlo, senza rischiare di fare un test a vuoto! Eh sì ragazze, perché io la prima volta l’ho fatto con il secondo giorno di ritardo e l’ho dovuto ripetere perché era un tantino sbiadito! Al secondo colpo invece, ho aspettato le tempistiche giuste e zac, in meno di due secondi il test era positivo!

Conoscete già le cose che non potete mangiare in gravidanza e non vi impallate sui forum di mamme che ti dicono di non mangiare nulla che fa male al bambino!

Eh già, perché non ditemi che per la prima gravidanza non avete avuto l’angoscia per la toxoplasmosi! Con il secondo almeno sapete cosa evitare e vivete tutto più serenamente, tranne l’astinenza da prosciutto crudo, perché quello ragazze è un peccato mortale!

Non avrai più paura degli esami in gravidanza!

Ma che sarà mai, dopo che siete state un colabrodo e che vi hanno messo i punti in parti del corpo dove non batte la luce del sole! Quando arriva la seconda gravidanza non solo sai quali sono i prelievi da fare a stomaco pieno e vuoto, darai con sicurezza il braccio e non sentirai dolore! Tiè!

Alla prima ecografia riconosci subito che c’è un bambino

Ragazze io quasi mi vergogno, ma le prime ecografie non riuscivo proprio a capire dove era il bambino, o almeno non riuscivo a capire quale era la sagoma, ora invece è tutta un’altra storia, in un colpo solo ho visto il cuore battere, la testina, le manine e il braccino, prima che me lo mostrasse il medico!
Una cosa che non è cambiata affatto però lasciatemelo dire è l’emozione e la commozione di vedere un esserino dentro di me, forte come la prima volta!

Distinguere i primi movimenti fetali dalle puzzette

Qui lasciatemelo dire ho fatto un po’ di casino, eh sì perché avendo ben in mente il ricordo di come si muoveva la mia bambina, i primi sfarfalli della seconda gravidanza, li ho confusi per movimenti fetali. E’ durato pochissimo però e ho capito che erano movimenti intestinali!

Per la gravidanza mi fermo qui, arriviamo ora alle capacità pratiche che avrà imparato anche vostro marito!

Sapete prendere in braccio un neonato

Eh già, perché le prime volte sono davvero difficili, sembrano così fragili hanno la testolina a penzoloni, insomma, ci vuole un po’ di dimestichezza. Anche vostro marito si sentirà più sicuro, insomma ci siete già passati!

Sapete cambiare un pannolino!

Io prima di avere la mia bambina, avevo cambiato si o no due o tre pannolini alla mia nipotina niente di più, ma non aveva un giorno di vita! Ancora mi ricordo quando mio marito ha cambiato il primo pannolino con la pupù! Il primo è toccato a lui, perché io non riuscivo a muovermi per i punti del cesareo. Ancora me lo ricordo poverino aveva sudato le sette camicie! Ora invece? Quanti pannolini avete cambiato? In che condizioni? Dai ora è una passeggiata!

Sapete vestire un neonato e non avete paura di staccare qualche braccino

Eh sì, perché all’inizio sembrano così fragili e quelle tutine e body sono davvero malefici, poi ci fate l’abitudine e cambiarlo non è così’ difficile, così come vestirlo dopo quando è più grandino.

Avete imparato ad allattare al seno (se lo avete fatto)

Eh sì, anche questo bagaglio rimarrà, ricordate però che ogni esperienza a sé e sé è stato facile la prima volta non è detto che lo sarà la seconda, o viceversa magari la prima volta non è andata come speravate e la seconda invece sarà più semplice.

Sapete preparare un biberon!

Io e mio marito la prima volta sembravamo due ebeti, ci siamo ritrovati in piena notte e leggere le istruzioni del biberon di come si doveva sterilizzare. Peccato che non avevamo lo sterilizzatore e alle tre di notte ci siamo ritrovati a bollire la pentola, con tutte le implicazioni del momento. Non sapevamo dosare l’acqua e i misurini, insomma c’è sempre la prima volta. Ora invece il biberon è un gioco da ragazzi!

Sapete fare un bagnetto al neonato!

Avete idea di quanto sono scivolosi i neonati nell’acqua? Non si tengono in piedi, non sai come tenerli, tengo la testa? Le ascelle? Il braccio? Che temperatura deve avere l’acqua, come si misura? Rischio di mettere troppo sapone, l’ho lavato bene? Con il secondo figlio, invece è tutto più semplice, se all’inizio usavate il termometro per misurare l’acqua ora invece usato la mano, eh già perché la mano di una mamma è un termometro, utile anche per capire se ha la febbre!

Saprete medicare il cordone ombelicale!

Ve lo ricordate il cordone ombelicale? Per me è stato un incubo, avevo paura di averlo staccato io, faceva veramente schifo fatemelo dire. Dopo quello tutto il resto è noia!

Avete imparato a fare il brodo vegetale e le pappe!

Fatemelo dire,  ma io non avevo mai preparato un brodo vegetale così ricco di verdure. La prima volta mi sentivo come Gargamella intento a fare le pozioni per i Puffi! Poi invece è diventata routine quotidiana!

Mi fermo qui, se volete potete continuare la lista!



La nostra pagina Facebook