crescere giocando

Compie gli anni che festa gli faccio fare?

Ve le ricordate le vostre feste di compleanno? O meglio i vostri piccoli pomeriggi dove si mangiavano i panini con il salame, c’erano le pastarelle con panna e cioccolato, le bibite che vi facevano bere perché era il vostro compleanno e la torta con le candeline?
Quanta gente c’era? Non so ai vostri, ma ai miei venivano pochi amichetti, alcune volte c’erano i figli delle amiche di mia madre che a me stavano antipatici perché mi rompevano sempre le bambole!

Mi ricordo che non ero sempre felice della gente che veniva alle mie feste, però ero felice nel vedere mia mamma contenta per avermi organizzato queste mini feste, perché era  quello che ci potevamo permettere. Mi ricordo ancora quando mi ha fatto il regalo che più desideravo,  la Barbie Benetton, e mi ricordo quando la mia mamma passava la sera a farcire i panini con me e mia sorella per la mia piccola festa. Quando ero piccola certe cose non le capivo, ma ora che ho l’età per essere mamma non posso fare a meno di dire grazie per quelle piccole grandi feste!

A parte questo e a parte la piccola lacrima che sta per calarmi nel viso, questo incipit è per meditare con voi sul tema delle feste per i bambini!

L’altro giorno stavo guardando la televisione e mi sono imbattuta in Real Time che oltre a fare dei programmi super fichissimi sulla cucina, matrimonio, arredamento, stava  trasmettendo un programma che parlava di mega feste di compleanno per dei bambini piccolissimi! Feste che io non ho avuto nemmeno a 18 anni!
C’erano queste mamme, a mio parere un po’ su di giri, che erano disposte a spendere anche 20 mila dollari per le loro piccole principesse super viziate! Certo tra le mie feste di compleanno e questi mega party americani c’è un abisso, però credo che ci debba essere sempre la giusta misura su tutto.

A inizio mese c’è stato il compleanno della mia nipotina che ha compiuto otto anni. Ovviamente desiderava una festa di compleanno e mia cognata si è prodigata per organizzarle una festicciola che potesse renderla contenta, ma che potesse accontentare anche le loro tasche.  Via dunque all’organizzazione a cui tutti abbiamo contribuito per dargli spunti ed idee. Mio marito si è occupato di stampargli i bigliettini di invito che hanno riscosso un ottimo successo! Sono stati invitati i compagni di classe e qualche figlio di coppie amici di mia cognata, e la festa è stata un successone.

Non hanno fatto niente di speciale, sono andati a mangiare tutti un panino in un fast food dove c’era un’area bambini e degli animatori. Mia nipote era contentissima e la sera mi ha raccontato per filo e per segno di come è stata la sua festa di compleanno.
Voi invece che feste state organizzando per il vostro pargoletto?

La nostra pagina Facebook