enorme gioia e qualche disturbo

Con Mamme.tv, stiamo per trattare un argomento spinoso e delicato, uno di quelli che purtroppo, ha colpito diverse mamme generando in molte i sensi di colpa.
Sul web, sono numerosi i siti di maternità che danno degli utilissimi consigli sull’allattamento al seno. I corsi pre parto dedicano delle intere lezioni, su come preparare la mamma a nutrire il suo bimbo. Validi argomenti, che aiutano le neo mamme con grande fiducia a diventare “l’alimento” indispensabile per il proprio piccolo.

Una situazione, questa, non certo piacevole per le neo mamme. Dopo il parto, infatti, è normale perdere un po' di capelli, questo perché si tratta di un evento fisiologico causato dall'abbassamento, più o meno considerevole, degli estrogeni e di alcuni ormoni, precisamente le gonadotropine nel sangue.

Come vola il tempo, sembra ieri, che alla trentaduesima settimana di gravidanza, “appanzate” vi apprestavate al meritato riposo in vista del grande evento. Pensavate: “cinque mesi di maternità sono tanti, non passeranno mai”. Ora invece, non solo siete “spanzate” e con il pupo che vuole le vostre cure, ma si avvicina il momento del rientro al lavoro dopo la maternità! Calma e sangue freddo, ci vuole solo un po’ di organizzazione, non sarà così difficile no? Prima come facevate?

Uno dei dubbi più grandi che una mamma si trova ad affrontare dopo il parto è quello del ritorno al lavoro.
I dubbi sono molteplici, i sensi di colpa si affacciano prepotentemente  e la mamma in preda ad una crisi può andare in tilt!
Volete  tornare al lavoro perché avete bisogno di riprendere i vostri spazi e le vostre giornate, ma vi sentite in colpa!
È come se una donna, giunta in questa fase cruciale della vita si senta come spaccata in due. Alcune volte il desiderio di rientrare al lavoro è forte, spinte dalla voglia di evadere da un routine fatta di pannolini, pappe, coliche e bavaglini.

Pagina 1 di 2

La nostra pagina Facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Cookie Policy.

Chiudi avviso